PEARL JAM

Miniatura

Lightning Bolt , 12 brani. Ventidue anni dopo il loro primo disco Ten, i musicisti del gruppo americano ripropongono il vibrante rock che li ha resi celebri e amati in tutto il mondo, tra canzoni energiche e suggestive ballate. 

CAFFE’ A DIGIUNO

Ricordatevi che il caffè puro non va mai preso a digiuno senza l’aggiunta di qualcosa da mangiare: se siete abituati a gustarlo al mattino appena alzati, sforzatevi di sgranocchiarvi insieme un biscottino o una fetta biscottata. 

CURA DI NOI STESSI

1.Curati quando sei ammalato.

Spesso le persone, quando sono ammalate, anche di malattie contagiose, non si isolano né cercano di ricevere una cura  appropriata. Questo, come puoi facilmente capire, tende a metterti in pericolo. Insisti affinché, quando una persona è ammalata, prenda le precauzioni appropriate e si curi in modo adeguato.

 

2.Mantieni pulito il tuo corpo.

Le persone che non fanno il bagno o non si lavano le mani regolarmente possono essere portatrici di germi. Queste persone ti mettono in pericolo. E tuo sacrosanto diritto esigere che queste persone facciano il bagno regolarmente e si lavino le mani. È inevitabile che una persona si sporchi lavorando o facendo attività fisica. Convincila a pulirsi quando ha finito.

 

3.Proteggi i tuoi denti.

È noto che se una persona si lavasse i denti dopo ogni pasto non sarebbe afflitta dalla carie. Fare questo o masticare del chewing-gum dopo ogni pasto, aiuta notevolmente a difenderci dalle malattie orali e dall’alito cattivo. Consiglia agli altri di proteggere i loro denti.

 

4.Mangia adeguatamente.

Le persone che non mangiano adeguatamente non sono di grande aiuto per se stesse o per gli altri. Di solito hanno poca energia. A volte sono di cattivo umore. Si ammalano più facilmente. Per avere un’alimentazione corretta, non sono necessarie strane diete ma occorre che la persona si nutra regolarmente.

 

5.Riposati.

Benché spesso una persona debba lavorare più del solito, la mancanza di riposo adeguato può renderla un peso per gli altri. Le persone stanche mancano di prontezza. Possono commettere errori. Hanno incidenti. Possono scaricarti addosso tutto il lavoro, proprio quando hai bisogno di loro. Mettono gli altri in pericolo. Insisti affinché le persone che non si riposano adeguatamente, lo facciano.

COMODO APPARTAMENTO

Appartamento composto di tre locali più cucina e doppi servizi. Questa formula è quella ideale e preferita dai giovani sposi che hanno buone disponibilità economiche e vogliono cominciare la loro « vita a due » in una casa comoda, non troppo piccola e di un certo « tono ».

Quasi sempre l’alloggio è acquistato per essere vissuto a lungo così da non modificare le strutture murarie e le finiture.

Proprio per questo è importante che l’alloggio acquistato sia già all’origine ben diviso, ben orientato e nell’insieme non presenti grossi difetti. Questi infatti non si potrebbero eliminare se non mediante lavori impegnativi e costosi.

Questo tipo di appartamento, vedi la foto, è uno con assenza assoluta di difetti di impostazione.

Infatti esso è dotato di:

buon orientamento: le zone « vitali » della casa (soggiorno e camera da letto) sono esposti a sud e ricevono sole e luce in abbondanza; cucina e servizi sono a nord e godono di una temperatura più fresca (qualità apprezzabile soprattutto durante la stagione estiva) e di una buona ventilazione;

ottima suddivisione piantistica: le tre zone dell’alloggio, << giorno >>, << notte >>, e << servizi >>, sono nettamente distinte e indipendenti fra loro;

rifiniture accurate: pavimenti, serramenti e rivestimenti sono ed eleganti realizzati con materiali pregiati di ottima qualità;

ampi balconi che si estendono sui due lati della casa, così che essi << servono >> tutti i locali.

APPARTAMENTO,TRE LOCALI,CASA,LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE,MURI,MATTONI,BUONA VENTILAZIONE,

 

PROPORZIONI SBAGLIATE NELLA DONNA

COME CORREGGERE PROPORZIONI SBAGLIATE E DIFETTI NELL’ETÀ ADULTA

 

I difetti di andatura e di portamento si correggono con la ginnastica, lo sport e magari, se è il caso, con l’aiuto supplementare di un bustino (non occorre portarlo tutta la vita, non spaventatevi).

Le formazioni di adipe o di cellulite sui fianchi e sulle cosce, o in altre parti del corpo (collo, ventre, schiena) possono essere facilmente eliminate con la dieta, i bagni di schiuma, le creme, i massaggi.

Gli altri difetti, quelli per i quali non c’è rimedio, si mimetizzano, senza farne un dramma, (anche le « bellissime » non sono esenti da difetti) ricorrendo a certi accorgimenti e a un pizzico di buon gusto. Bisogna sapersi pettinare e vestire adeguatamente, per dare agli altri un’impressione gradevole, che renderà invisibili o quasi anche i difetti più appariscenti.

LIFE CYCLE ASSESSMENT

Come sappiamo, attualmente un terzo dell’energia consumata nell’Unione Europea viene sprecata a causa di inefficienze.

L’efficienza energetica è una soluzione conveniente per migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, ridurre le emissioni di carbonio ed i costi.

Bisogna focalizzarsi sulla diffusione delle tecnologie più efficienti tramite la definizione di criteri per gli interventi che contribuiscono all’implementazione di tecnologie per l’efficienza energetica.

Contribuisce a ciò, una nuova dimensione nella progettazione che si chiama LCA Life Cycle Assessment. 

Uno strumento volto ad analizzare l’impatto ambientale di un prodotto durante tutte le fasi del suo ciclo di vita.

LCA non è uno strumento obbligatorio, ma molte aziende lo adottano per poter ottenere dichiarazioni o etichettature ambientali apportando strategie di politica ambientale ed ottimizzando i processi produttivi su una base metodologica condivisa e codificata.

 

DONNA EXPO 2015

dal 22 al 24 novembre 2013, tre giornate dedicate all’imprenditoria femminile, tra moda, design e artigianato, un concept store ricco di pezzi unici, sofisticati e di tendenza, dove poter acquistare un made in Italy concepito con cura e consapevolezza. 

Creatività e passione, studio e professionalità per un simposio creativo tutto “in rosa” che guarda ad Expo 2015. 

La manifestazione, vanta più 70 designers donne, che nel corso degli anni hanno presentato al pubblico e alla stampa, pezzi unici, di puro artigianato, spaziando dalla moda, al bijoux, all’arredo. 

Prodotti nati dall’intuito di donne che reinventano e ridefiniscono oggetti e materie prime destinate al macero.

L’evento si terrà a Milano, presso lo Spazio Asti 17 (via privata Asti 17) e come di consueto sarà ricco di imperdibili eventi collaterali; laboratori, incontri, convegni , workshop, che faranno da cornice alla manifestazione

TARES DIVENTA TRISE

La Legge di Stabilità, ora al vaglio in Parlamento, ha introdotto il TRISE, tributo sui rifiuti e servizi indivisibili dei Comuni, che sostituisce dopo neanche un anno dalla sua entrata in vigore la TARES.
Il nuovo tributo sarà composto da due aliquote:
1. la TARI, che riguarda il servizio di gestione dei rifiuti, è calcolata sulla base della superficie calpestabile dell’immobile e del numero dei componenti del nucleo famigliare. In un secondo momento, tale aliquota potrebbe venir correlata alla quantità di rifiuti prodotta;
2. la TASI, che copre i servizi indivisibili dei Comuni e che in parte sostituisce e assorbe l’IMU. Questa aliquota verrà calcolata, a scelta del Comune, in funzione della rendita catastale o dei metri quadri dell’abitazione.

A pagare la TRISE non saranno solo i proprietari di casa ma anche gli inquilini che, oltre al normale pagamento per la gestione dei rifiuti (aliquota TARI), dovranno partecipare al pagamento della TASI, secondo una percentuale variabile tra il 10 ed il 30%.
Sono previsti a partire dal 2014 quattro scaglioni di pagamento, di cui il primo a Gennaio, oppure un’unica soluzione a Giugno.
L’intero tributo sarà interamente gestito dal Comune, e nel caso della TARI il costo sarà rimodulato da ogni Comune in base agli standard qualitativi del servizio rifiuti.

VAJONT

Sono passati 50 anni da quell’orribile sera in cui migliaia di persone persero la vita a causa di un errore umano. 

A distanza di molti anni, risuona nella mente dei sopravvissuti e di tutti noi, il boato di quella frana, un urlo di ribellione della natura contro l’uomo che spesso si sente superiore all’ambiente anziché sentirsene parte integrante.

Non siamo qui ora ad analizzare le cause e le colpe di un simile accadimento, unico nel suo genere e non spetta a noi farlo, vogliamo solo ricordare che le catastrofi ambientali non dipendono sempre dall’evolversi naturale della terra sul nostro pianeta, ma spesso sono da attribuire ad errori ed omissioni di persone che danneggiano il delicato equilibrio della natura la quale finisce per rivolgersi contro l’uomo stesso.