CICORIA DA CAFFE’

È il surrogato del caffè più noto e in alcuni paesi, come in Francia, non esistono, si può dire, miscele di caffè che non contengano una certa quantità di cicoria. Usata fino dal 1769, prima in Sicilia, poi in Germania e in Olanda, ha dato luogo a un’industria importante.

Della cicoria, di una specie detta « cicoria da caffè », si utilizzano solo le radici che vengono torrefatte e poi macinate più o meno finemente, o ridotte in polvere. L’aggiunta di questa polvere dà un infuso amaro, molto scuro e snatura notevolmente il sapore genuino del caffè. L’amaro particolarmente aspro, che essa gli conferisce, non si corregge facilmente neppure con molto zucchero.

Il caffè preparato con aggiunta di cicoria e certamente più gradito quando viene usato per il caffelatte, sia perché ne occorre una quantità relativamente piccola, sia perché il sapore del latte ne attenua l’asprezza.

LE INSALATE VERDI

L’insalata è il più economico e gradito mezzo per fornire al nostro organismo sali minerali e vitamine: 100 grammi di lattuga o di indivia soddisfano l’esigenza giornaliera di vitamina A, ci forniscono le preziose vitamine C e B, e una buona quantità di sali di potassio, calcio e ferro. Le foglie verdi contengono maggiori quantità di vitamine e di sali di quelle bianche, perciò, a meno che non siano troppo dure, devono essere utilizzate. Il più sano ed economico sistema per conservare << la linea >> lo possiamo trovare non sugli scaffali delle farmacie, ma sulle bancarelle colme di lattughe, cicorie, indivie ed altri tipi. Le insalate verdi sono cibi voluminosi e praticamente sprovvisti di potere calorico. Sono infatti ricchi di cellulosa che, come sappiamo, non viene digerita dal nostro organismo; in compenso questo residuo non assimilato ha il potere di stimolare le funzioni dell’intestino. Ottime, quindi, le insalate nella maggioranza dei casi; da sconsigliare però a chi va soggetto a fermentazione intestinale. Un’insalata verde servita come primo piatto riempie lo stomaco e fa tacere gli stimoli nervosi che provocano le sensazioni dell’appetito.

insalata.jpg