ITALIA -BOLLETTA ENERGETICA PIU’ CARA

Secondo i dati presentati dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, la nostra bolletta è più alta del 18% rispetto ai nostri cugini degli stati membri dell’Unione Europea, ma questo non è dovuto ai costi delle energie rinnovabili.

Far parte dell’Unione Europea e godere di una moneta unica, dovrebbe significare anche, poter essere allo stesso livello quando bisogna pagare le bollette.

Invece, la tassazione più elevata, la maggiore dipendenza dai combustibili fossili ed un mercato interno dove i prezzi del gas e dell’elettricità sono più alti, portano le famiglie italiane ad essere particolarmente penalizzate .

 
 
Anche le imprese medio-piccole, risentono degli alti costi dell’elettricità, della benzina e del diesel mediamente più alti rispetto agli altri paesi.
 
Nel prezzo della bolletta, inoltre, rientrano tutte quelle voci non evidenti che riguardano sussidi ed agevolazioni pagati al settore dei combustibili fossili.
 
Questi sussidi, per altro non monitorati dal Governo, non incidono sulla bolletta quando si tratta di energie rinnovabili.
 
E’ ovvio che anche gli incentivi assegnati alle rinnovabili pesano sui costi dell’energia in Italia, tuttavia è interessante notare che questi incidano meno sull’andamento del prezzo del Kwh rilevato negli ultimi anni.
 
Inoltre, gli investimenti sulle energie rinnovabili restano in Italia per la maggior parte, dando lavoro e contribuendo a migliorare il sistema economico interno, a vantaggio dell’ambiente e del minor inquinamento atmosferico.
 
Tutto ciò dovrebbe indurci a creare un modello energetico nazionale realmente improntato allo sviluppo delle rinnovabili, secondo la formula della generazione distribuita e della filiera corta ed in grado soprattutto, di saper sempre conciliare gli investimenti energetici con la tutela dell’ambiente e del territorio.

OBESITA’ DA COMBATTERE E GAS

Per combattere efficacemente l’obesità, bevete ogni giorno 3 tazzine di acqua fatta bollire con radici di asparago (50 grammi di radici di asparago per ogni litro di acqua).

Il gas intestinale e le atonie gastriche si combattono efficacemente con tisane di foglie di menta.

AFFITTO E SPESE DA PAGARE

E’ arrivata  l’estate e tra qualche giorno arriverà anche il primo di luglio. Inizio del mese, dove chi non ha la casa di proprietà dovrà pagare la  rata di affitto con le relative spese. Quest’anno con la pesante crisi sarà difficile che tutti riescano a far fronte a questa spesa, anche se ritengo più che giusto che i padroni degli appartamenti abbiano il pattuito. Devo altresì dire che ci sarà sempre qualcuno che andrà in ferie anche se non lo potrà fare, e poi chiederà alla collettività di sostenerlo durante l’anno.  

GAS ED ELETTRICITA’ TRUFFALDINI

I venditori di gas ed elettricità porta a porta truffaldini ora rischiano grosso. A garantire la giusta pena sono le denunce che la polizia delle province di tutto il nord e centro Italia in questi mesi sta facendo in capo ai venditori furbetti (per lo più dipendenti di società a cui i grandi produttori affidano la firma dei nuovi contratti). Le denunce ovviamente prendono il via dalle segnalazioni per truffa presentate nelle varie <Questure di cittadini che si sono sentiti raggirati dagli incaricati alla vendita di gas ed elettricità. Nella casistica delle denunce fatte dagli utenti spiccano i casi di buona fede carpita al cliente, cui l’agente scorretto fa riempire un modulo di adesione alla fornitura gas spacciandolo per una indagine di mercato. In altri casi invece i cittadini hanno raccontato d’aver firmato contratti in cui si promettevano risparmi annuali di ben 400 euro. Clausole che poi venivano cambiate all’insaputa dei clienti. La maggior parte di queste truffe nascono dal tentativo dei venditori di lucrare sulle percentuali loro riconosciute per ogni nuovo contratto. 

LA CARNE IN SCATOLA

A chi piace il suo sapore leggermente modificato, la carne lessata in scatola è un prodotto che fa risparmiare il tempo della cottura, della preparazione e dall’acquisto. Il valore nutritivo è uguale a quello della carne fresca, dato che anche la gelatina ha un alto potere calorico. Una buona carne in scatola inoltre è saporita, con fibre morbide e perfettamente digeribili. Essa proviene da animali selezionati, sottoposti a controlli severissimi nei luoghi di macellazione. Al momento dell’acquisto, per non essere vittime di sofisticazioni, è bene seguire alcuni criteri: 1) affidarsi prima di tutto alle marche migliori: le carni in scatola a buon mercato sono tali a discapito della qualità; 2) esaminare la scatola anche esternamente: se presenta i fondi leggermente rigonfi, bisogna sospettare un inizio di fermentazione interna (forandola sott’acqua si noterà gorgoglio di gas); 3) agitando una scatola, non si deve sentire sbattere il contenuto: infatti deve essere ben piena e con gelatina solida (nella stagione calda però, la gelatina si può sciogliere e lo sbattimento è allora normale); 4) la carne dev’essere dorata o rosea con odore di carne lessata e con gelatina omogenea, senza troppo grasso; 5) non deve contenere troppo aromi (pepe, droghe, essenze, ecc.): l’eccessivo profumo potrebbe mascherare il sapore di una carne di cattiva qualità; 6) la gelatina non deve essere troppo solida, ma spappolarsi e sciogliersi subito in bocca; 7) la scatola di carne, una volta aperta, dev’essere subito consumata perchè si altera con estrema rapidità.  

GAS – saperne di più

Ecco la spiegazione di alcune definizioni date dalle società di approvvigionamento gas per uso domestico.

Metro cubo standard (smc): esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di temperatura (15 C°) e pressione (1.013.25 millibar, cioè la pressione atmosferica). Gli smc si ottengono moltiplicando i metri cubi misurati dal contatore per il coefficiente di conversione (C) introdotto dall’Autorità.

Coefficiente di conversione (C): converte il consumo misurato dal contatore in metri cubi, nell’unità di misura utilizzata per la fatturazione, cioè i metri cubi standard. E’ necessario poichè il volume di una medesima quantità di gas, e quindi il medesimo contenuto di energia, dipende dalla pressione e dalla temperatura a cui tale quantità viene consegnata. Il coefficiente C è entrato in vigore dal 01/07/2009, pertanto tutti i consumi fatturati successivamente a tale data sono stati sottoposti a conguaglio, seguendo le direttive imposte dall’Autorità.

Potere calorico superiore (P): rappresenta la quantità di energia contenuta in un metro cubo di gas a condizioni standard; serve quindi per valorizzare in energia il consumo espresso in metri cubi.

PDR (punto di riconsegna): è un codice composto da 14 numeri che identifica il punto fisico in cui il gas viene prelevato dal cliente finale. Non cambia se si cambia fornitore.

Scaglioni : alcuni prezzi unitari hanno un valore differenziato per scaglioni di consumo annuo. A titolo d’esempio, quindi, un cliente che consuma 400 smc nel corso di un anno solare pagherà il prezzo previsto per il 1° scaglione per i primi 120 smc consumati ed il prezzo previsto per il 2° scaglione per i restanti 280 smc.      

IL SOLE A CASA

Noi che abitiamo in città sappiamo che non è sempre facile e agevole godere i benefici del sole: nelle ore di luce costretti nelle fabbriche e negli uffici, e anche quando abbiamo la possibilità di fare una passeggiata dobbiamo subire la polvere, la fuliggine, la nebbia, i gas di scarico delle automobili, che formano una coltre di scorie attraverso la quale i raggi del sole filtrano debolmente. Abbiamo, è vero, la risorsa delle vacanze ma esse sono brevi e molto spesso insufficienti per ritemprare sufficientemente l’organismo. Oggi però la tecnica viene in nostro aiuto con le lampade ed i raggi, che nei solarium ci fanno rivivere il caldo sole estivo. Le attrezzature riesco a riprodurre  le radiazioni solari, cioè i raggi infrarossi e i raggi ultravioletti del sole e apportano gli stessi (o quasi) beneficici. Non bisogna comunque abusare di questa possibilitàperchè potremmo rovinarci la pelle irreparabilmente.   

BOMBOLA DEL GAS

BOMBOLA DEL GAS.JPG

La pazzia e l’inciviltà della gente ormai ha raggiunto livelli inimmaginabili. Beata l’ignoranza, ma come si può pensare che una bombola del gas possa essere gettata assieme ai riufiuti da riciclare ? Ho provveduto di persona ad avvisare i vigili del posto, tramite telefono cellulare, e nonostante avessi fatto il mio dovere l’operatore mi ha detto che dovevo telefonare ad una azienda , che non ho capito il nome, per la segnalazione. Incavolato dalla risposta dell’operatore ho ribadito di conseguenza dicendogli di provvedere a fare il suo lavoro , in quanto io ho provveduto a fare il mio, e di avvisare l’azienda che deve provvedere al ritiro. Dopo circa 30 minuti la bombola era stata ritirata.

 

 

E-STATE ALL’OMBRA

Nella stagione estiva, nell’aria delle nostre grandi città fa spesso la sua comparsa l’ozono, un gas inquinante che si origina dall’interazione della radiazione solare con gli inquinanti prodotti dal traffico automobilistico cittadino. In ogni caso è bene evitare che le persone più sensibili (bambini,anziani e asmatici) restino esposti alle radiazioni solari nelle ore più calde della giornata, quando è massima la concentrazione di ozono. I bambini devono essere sempre tenuti sotto osservazione e soprattutto quando giocano: devono farlo in zone ombreggiate, farli bere per reintegrare l’acqua persa con la sudorazione; lo stesso vale per tutte le persone che curano i bambini nelle calde giornate passate in città.

BONUS GAS

gas.jpg

Dal 15 di dicembre è attivo il Bonus Gas e si può chiedere al proprio Comune. Possono richiederlo le famiglie a basso reddito , e le famiglie numerose, più di tre figli a carico. Per poterlo ottenere bisogna presentare il modello ISEE : non superiore a 7.500 Euro nel primo caso, e non superiore a 20.000 Euro nel secondo caso. Si può richiede anche l’arretrato per l’anno 2009 fino al 30 aprile 2010. Per maggiori informazioni rivolgetevi al Comune di residenza , oppure allo sportello per il consumatore  numero  telefonico 800166654, www.sviluppoeconomico.gov.itwww.autorita.energia.it