PREPARARE UN COCKTAIL

Preparare un buon cocktail è quasi un’arte; vi sono barmen famosi che circondano del più assoluto segreto le ricette dei cocktails di loro invenzione, mentre altri le rivelano come se si trattasse di elisir d i lunga vita. Senza arrivare a questi eccessi, diciamo che chiunque può preparare un buon cocktail, primo: se ha una ricetta sperimentata e sicura; secondo: se ha a disposizione tutto il necessario « corredo » per la sua preparazione.

Nello shaker, che può essere di cristallo, d’argento o di altri metalli, mettete i l ghiaccio a pezzetti, lo zucchero (se ci vuole), il succo di limone o di arancia.

Prendete poi i l bicchiere graduato, il cosiddetto misurino (lo si acquista presso qualsiasi negozio di casalinghi) e riempitelo, a seconda delle indicazioni che dà la ricetta, con i liquori necessari (ad es. % di misurino di Gin, % di Vermouth bianco, % di Vermouth rosso), versate i liquori uno per volta nello shaker, chiudetelo bene e cominciate ad agitare con vigore.

Fate riposare un momento e poi agitate più lentamente. Riaprite lo shaker e versate il contenuto nei bicchieri passandolo al colino per trattenere le scorze e i pezzetti di ghiaccio.

Se si tratta di un cocktail di Champagne (che non va agitato), anziché lo shaker usate il mixer: un grosso bicchiere dai bordi alti, accompagnato dal cucchiaio a manico lungo che serve a mescolare gli ingredienti.

RIVITALIZZARE AL PELLE SECCA E RUGOSA

Per rivitalizzare la pelle secca e rugosa, ecco una ricetta casalinga di ottimo effetto:un cucchiaio di miele – dieci gocce di limone – due gocce d’olio di mandorle dolci.

Mescolate bene e stendete sul viso; rimanete in posizione di relax per venti minuti. Togliete delicatamente usando un tonico.

Se avete la pelle molto grassa provate a sostituire la crema nutriente con dell’olio di calophyllum: si spalma, si fa penetrare con leggero massaggio, si lascia assorbire, poi si asciuga con una salviettina.

                                            

                                                

 

 

ESENZIONE TICKET

Entro oggi dovrebbe scadere il termine per la comunicazione al proprio dottore della mutua del certificato che attesta l’esenzione dal pagamento dei ticket sulle ricette e sui medicinali per le persone che superano i 65 anni e appartiene ad un nucleo famigliare con reddito lordo, riferito all’anno precedente, non superiore a 36.151,98 euro.

In questi giorni un mucchio di gente che non ha ricevuto la lettera da parte della regione Lombardia si è accalcata nei punti ASSL per chiedere informazioni come fare. La cosa più semplice per prima cosa è  leggere quello che scrive il sito di salute governo :http://www.salute.gov.it/esenzioniTicket/paginaInternaEsenzioniTicket.jsp?id=1019&lingua=italiano   – e poi agire di conseguenza.

Buona fortuna….

FILETTO ALLA BOURGUIGNONNE

Un modo divertente per servire la carne in una cena tra amici: offrire il filetto alla Bourguignonne.

Portate in tavola un tegame con abbondante burro o olio, appoggiato sopra a un fornelletto a spirito o a gas (come quelli da campeggio) , un piatto contenente del filetto crudo tagliato a dadini di circa 3 centimetri di lato e un vassoio con delle coppette contenenti salse diverse. Ogni ospite infilza un pezzo di filetto con una lunga forchetta studiata apposta per questo uso, lo immerge le grasso bollente e lo fa cuocere per qualche secondo, quindi lo intinge in uno dei vari intingoli e lo porta alla bocca. Quanto maggiore sarà la varietà di salse, tanto migliore sarà il successo della pietanza.

Varieta di salse: salsa verde, salsa maionese, salsa bearnaise, salsa bordolese, salsa alla pizzaiola, salsa tartara, mostarda francese, salsa senape, ecc.  Successo assicurato !!!!!!

CUCINA TEDESCA

SAUERKRAUT – (piatto di salsicce e crauti alla vecchia maniera,con alcuni prodotti difficili da reperire).

Ingredienti e dosi (per 4 persone): 1Kg. di crauti – 1 cipolla – 2 carote – 4 porri – 1 mazzetto di odori – 1 bicchiere di vino bianco – 1 bicchierino di cognac – 3 cucchiai di strutto – 3 cucchiai di grasso d’oca – cotenne di maiale – brodo sgrassato di manzo – 1 salame da cuocere – 100 gr. di lardo affumicato – pepe – sale.

Lavate in molte acque i cauri e metteteli poi nella casseruola o in un tegame di coccio con cipolla, carote e porri tagliati a fette. Aggiungete lo strutto e il grasso d’oca, mescolate e unite poi tanto brodo da coprire i crauti, il vino bianco, il cognac, pepe e sale. Lasciate cuocere piano per 4 ore, mescolando e aggiungendo brodo.

Intanto raschiate e fate lessare le cotenne in acqua salata, col mazzetto di odori. Quando i crauti saranno a metà cottura unite il salame e il lardo affettati e le cotenne lessate. A cottura ultimata, disponete la << Sauerkraut >> al centro di un vassoio fondo, deponendovi attorno  il salame cotto tagliato a fette, il lardo affumicato.

Con questo piatto occorre, se riuscite a trovarlo in qualche enoteca, un vino corposo come il Schillerwein, oppure, la semplice birra.

CARCIOFI ALLA GIULIANA

 

 

 

 

 

Ingredienti e dosi

(per quattro persone): 6 carciofi – 1 spicchio d’aglio – 1 manciata di prezzemolo – 1 bicchiere d’olio – 1 manciata di parmigiano grattugiato – sale – pepe.

Utensili –

terrina – tagliere – mezzaluna – tegame.

Preparazione

(tempo occorrente: per la preparazione 20 minuti; per la cottura 1 ora circa) – 1) Staccate ai carciofi le foglie più dure, togliete accuratamente le spine, staccate i gambi, puliteli attentamente e lasciate il tutto nella terrina colma di acqua fredda leggermente acidulata con succo di limone. 2) Intanto preparate il ripieno mescolando una bella manciata di parmigiano grattugiato con il prezzemolo tritato assieme all’aglio, al sale e al pepe. 3) Quando il ripieno è pronto, togliete i carciofi dall’acqua, asciugateli e poneteli nel tegame unto d’olio. Allargate le foglie e ponete nel centro un cucchiaio di ripieno. Accanto ai carciofi mettete i gambi tagliati a pezzetti. 4) Sui carciofi così preparati fate colare abbondante olio e aggiungete poi tanta acqua quanta ne basta per arrivare fino a circa metà del carciofo. Coperchiate e lasciate cuocere lentamente finchè tutta l’acqua si sia asciugata.

Come servire –

In un piatto di portata rotondo o ovale.

Noterella dietetica –

E’ un piatto che non ha controindicazioni tranne per l’aglio, che comunque può anche essere eliminato.

MENU A BASE DI CASTAGNE

Leggendo il settimanale “SORRISI  E  CANZONI TV ” mi sono imbattuto simpaticamente in due ricette di cucina veramente sensazionali che vi riporto in foto per completezza delle stesse. In questo periodo sono veramente ottime. Proviamole !!!!

gnocchi di castagne.jpg
spezzatino.jpg