AUTORIZZATI A RUBARE

Questa notizia che mi giunta alle orecchie è notevole e ve la voglio raccontare. E’ una notizia che arriva da una fonte d’informazione sicura, e riguarda la maggior parte dei supermercati di Milano e forse anche di tutta Italia.

In un punto vendita dell’azienda, che suona come la lettera dell’alfabeto << S >> allungata, durante il giorno, entrano una notevole quantità di gente italiana, extra comunitaria, zingari ecc. per fare acquisti. Tutti vengono seguiti e monitorati da una sala regia, che di solito si trova in una grande sala all’interno del centro commerciale, con telecamere, e persone che tra gli scaffali si fingono clienti. Una volta individuato con le telecamere il possibile ladro , lo seguono con gli uomini (finti clienti) sino alle casse; se paga bene, altrimenti intervengono  i pubblici ufficiali per la perquisizione della persona e la restituzione della merce rubata. Sino a quì tutto bene, se non fosse che il più delle volte i controllori, su ordine della direzione del supermercato, lasciano rubare agli extra comunitari, zingari, merce per un valore di circa 30 euro a ciascuno, sapendo quello che rubano, vedendolo dalle telecamere, e lasciandoli  poi andare indisturbati. Invece gli italiani che rubano hanno un trattamento diverso: vengono presi, perquisiti,interrogati,denunciati e fatti portare via dai carabinieri o dalla polizia. Come mai???

Se qualcuno ruba per fame e non per far del male al prossimo è forse scusato, ma la cosa deve essere uguale per tutti.

ED IO PAGO !!!!!!!!!!!!!!!!    

PERMESSO SOGGIORNO A PUNTI

Il principio base del nuovo permesso di soggiorno per gli stranieri è semplice: io ti suggerisco le cose da fare per integrarti nella comunità; se le fai puoi rimanere, se non le fai significa che non vuoi integrarti. La valutazione sarà a carico degli Sportelli unici per l’immigrazione. Il fallimento degli obiettivi comporterà l’espulsione. Nuove regole:è un vero e proprio <<accordo per l’integrazione>> quello a cui d’ora in poi l’immigrato dovrà aderire, impegnandosi a rispettarne i principi, se vuole continuare a vivere e lavorare nel nostro Paese. Per raggiungere i 30 punti assegnati avrà 2 anni di tempo. Dovrà dimostrare di conoscere << la lingua italiana parlata, i principi dondamentali della Costituzione della Repubblica e dell’organizzazione e funzionamento delle istituzioni pubbliche in Italia>>. Servirà inoltre un’adeguata conoscenza della nostra vita civile << con particolare riferimento ai settori della sanità, della scuola, dei servizi sociali, del lavoro e degli obblighi fiscali>>. I crediti verranno decurtati in caso di condanna penale, sottoposizione a misure di sicurezza personali, gravi illeciti amministrativi o tributari, inadempimento dell’obbligo scolastico dei figli minori.

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI

Gli stranieri provenienti da Paesi dell’Unione Europea e da paesi dello Spazio Economico Europeo, in temporaneo soggiorno in Italia, secondo la normativa comunitaria, sono in possesso della Tessera TEAM (Tessera Europea di Assicurazione Malattia) o di un modello sostitutivo e hanno diritto alle stesse prestazioni garantite dal Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) ai cittadini italiani. Gli stranieri provenienti da Paesi extra UE con i quali vigono accordi bilaterali e di reciprocità dovranno recarsi all’ASL, di competenza che rilascerà al cittadino straniero un apposito modulo (carnet della salute) per l’accesso alle prestazioni sanitarie necessarie, sul quale il medico potrà prescrivere accertamenti, visite specialistiche e farmaci ritenuti necessari. Gli stranieri sia comunitari sia extracomunitari dotati di regolare permesso di soggiorno e residenza hanno diritto all’iscrizione ai loro famigliari, al Servizio Sanitario Nazionale esibendo i seguenti documenti: # Cittadini della U.E. : regolare permesso di soggiorno, certificato di residenza o autocertificazione, codice fiscale, # Cittadini extra U.E. : regolare permesso di soggiorno, certificato di residenza e stato di famiglia o autocertificazione, codice fiscale, documentazione comprovante il proprio status (lavoro,disoccupazione,asilo politico, motivi familiari ecc.).                                                                   

CASE ABUSIVE

In anni precendti ai nostri anche per gli italianiera in auge l’abusivismo edilizio.Allora era praticato da i meridionali che approfittavano delle case lasciate vuote dai “borgatari” , gente che viveva aalla periferia della città , distrutta dalla guerra  , e che lo Stato è riuscito a sistemare in case nuove , dopo un piano di ricostruzione generale. I meridionali , di maggioranza calabresi , prendevano possesso delle abitazioni lasciate vuote, anche se queste erano senza alcun servizio igienico ed acqua, pur di vivere in un posto dove potevano trovare il progresso e un modo di vita migliore.

AUTO E ASSICURAZIONI

Sempre di più sentiamo tramite i telegiornali che sono  più gli stranieri che commettono incidenti stradali con vittime. Irregolari che guidano senza patente , ubriachi, drogati e chi più nè ha nè metta. E’ di questi giorni la notizia che uno straniero ( etnia …. ) ha travolto un ragazzo  con la propria vettura , nelle parti di Roma , uccidendolo. Le Forze dell’Ordine hanno scoperto che questa persona era intestataria di più autovetture e di altrettante assicurazioni. Come può essere possibile che sia permesso avere (es. 100 auto e 100 assicurazioni , intestate ? ) senza che ci siano dei controlli da parte del Ministero della Motorizzazione e da parte delle Assicurazioni stesse cheriescono a sapere, interrogando a computer, lo stesso nominativo ripetuto più volte. Abbiamo delle leggi che purtroppo non salvaguardano l’onesto cittadino ma , leggi che sono a favore di quelli che delinquono. Credo che il Governo debba e possa fare tutto quello che è necessario per poter reprimere e stroncare questo modo di operare da parte di gente extracomunitaria , gente che conosce il modo di aggirare le leggi più di tutti noi italiani. Le mie più sentite condoglianze a tutti i famigliari delle vittime causate da questi delinquenti.