BAMBINI TECNOLOGICI

I bambini di oggi nascono nella tecnologia conoscendola grazie alle mode del mercato, senza però comprendere le reali potenzialità dei mezzi che maneggiano con tanta tranquillità. 

Sono in grado ormai di interagire con smartphone, tablet e tutti i gadget tecnologici presenti.

Da uno studio condotto in America il 72% dei bambini con meno di 8 anni utilizza un dispositivo mobile mentre il 38% di quelli con meno di 2 hanno ne ha usato almeno uno.

Le percentuali sono sempre in costante aumento infatti lo studio condotto rispetto al 2011 dimostra un una crescita doppia nell’utilizzo dei dispositivi mobili e quindi anche il tempo che i bambini trascorrono davanti a tali sistemi.

Ogni genitore cerca sempre di tutelarli, di proteggerli anche se ormai la tecnologia fa parte della nostra vita giorno dopo giorno. L’importante è sicuramente non sottovalutare le enormi potenzialità nello sviluppo intellettuale dei bambini.

TV SUPER TABLET

Rappresentano una delle più recenti innovazioni dell’hi-tech televisivo e si chiamano«SMART TV HDMI DONGLE».

Simili a chiavette Usb, sono in grado di trasformare un normale televisore in una sorta di tablet gigante. Innanzitutto è importante sapere che funzionano solo se connessi alla tv tramite porta HDMI. Inoltre necessitano di alimentazione: se il televisore ha un ingresso Usb sarà sufficiente collegarvi il dongle, altrimenti occorrono alimentatore e presa. La loro principale caratteristica è la connettività a Internet attraverso rete wi-fi: si avrà così pieno accesso al web.

Poiché quasi tutti i dongle hanno il sistema operativo Android, troverete applicazioni come Facebook, Twitter o Google Maps, ma ne potrete aggiungere altre come Skype o i videogiochi scaricandole da Google Play Store. Tutte queste funzioni sono gestite da un telecomando.

EBOOK – LIBRO ELETTRONICO

La progressiva sostituzione dei libri tradizionali con gli ebook porta ricadute estremamente positive per l’ambiente. A ricordare la portata di questi benefici è il National Geographic.
Le vendite di testi elettronici è schizzata del 164% tra il 2009 e il 2010, una crescita che è continuata anche l’anno successivo, quando l’ebook è arrivato a conquistare il 15% del mercato editoriale totale rispetto all’8% del 2010.
Naturalmente anche i lettori di ebook consumano risorse, ma rispetto alla stampa il totale della loro impronta ecologica è più basso.
Stando ad alcune stime, sarebbe necessario leggere 14 libri elettronici prima di consumare risorse pari a quelle utilizzate per un solo volume di carta.
Per evitare che questi vantaggi vengano vanificati, è però necessario migliorare le nostre capacità di riciclare i tablet e gli ereader arrivati a fine vita.